Gatto Atlantico

Home » Uncategorized » Il Presepe di Stelio

Il Presepe di Stelio

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Blog che seguo

dicembre: 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Magari l’albero no.

 

Ma il Presepe era essenziale. Senza Presepe non era Natale.

Stelio in realtà amava i pupazzetti, le statuine, i soldatini, insomma: come si chiamano? quelle cose lì. E ne faceva collezione. Me lo ricordo a Parigi incantato ad ogni negozietto che vendeva questi oggetti. Ci si perdeva.

Ci si perdeva anche quando vedeva le tazzine di caffè. Ma quella giusta non la trovava mai e quindi la lasciava lì.

I pupazzetti no.

Figuriamoci quindi il Presepe.

Aveva in effetti un bambinello in porcellana di dimensioni enormi: sembrava un gigante. lo costrinsi a Piazza Navona a comprarne uno adeguato.

Per il resto il suo era un Presepe storico.

C’erano colonne, capitelli corinzi, riproduceva deserti e metteva egiziani e antichi romani.

I Pastori in effetti, con le zampogne e le ciaramelle, stridevano. Ma aveva la sua idea di globalizzazione geografica.

Lo scorso anno ho dovuto di nuovo sistemare le mie e le sue cose purtroppo impacchettate ancora.

Abbiamo liberato con Daniela e Andrea che mi hanno aiutato. Sistemato. Buttato e conservato.

Qualche statua l’ho tenuta.

Ora un pezzo di Presepe di Stelio è fisso in redazione.

Eccolo

 

Buon Natale a tutti, amici

 

 

 

Informativa sui cookie

Questo blog potrebbe utilizzare cookie di terze parti di cui l’autore non è responsabile. Per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie, vai alla pagina PRIVACY di questo blog. Lascia questo sito se non sei d’accordo o clicca su OK, qui in basso a destra, per proseguire la navigazione

►OK◄