Gatto Atlantico

Home » Gatto Atlantico

Gatto Atlantico

Informativa sui cookie

Questo blog potrebbe utilizzare cookie di terze parti di cui l’autore non è responsabile. Per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie, vai alla pagina PRIVACY di questo blog. Lascia questo sito se non sei d’accordo o clicca su OK, qui in basso a destra, per proseguire la navigazione

►OK◄

Chi sono?

Autrice, regista radiofonica ( per esempio ora lavoro a Rai Radio 6)  e ricercatrice bibliografica, critica musicale, esperta di archivi sonori e cultrice di storia contemporanea ho scritto per anni con regolarità sul sito www.radioscrigno.rai.it (che ora non c’è più) e dal 2011 scrivo di musica sul portale Bravo!  e in modo saltuario anche altrove. Da qualche mese ho cominciato anche una collaborazione sulla storica Bielle – Brigata Lolli

Cosa scrivo?

Scrivo di radio, storia, musica, narrativa, cinema ed eventi culturali.

Ma se devo scegliere, ammetto che l’attività che ho amato di più in assoluto è stata la lettura.

Scrivo perché mi fa bene.

Non ho mai creduto nella divisione tra cultura umanistica e cultura scientifica (ma chi ha avuto questa strana idea?) Volevo essere una matematica; poi cambiai idea e decisi che sarei stata una fisica.  Poi all’ultimo momento decisi che preferivo studiare Storia. E che lo avrei fatto laureandomi in Scienze Politiche, che mi avrebbe dato – così pontificavo – quella necessaria preparazione economica, geografica, giuridica, istituzionale e comparativa che Lettere a mio avviso non mi avrebbe potuto garantire.

Sono ancora di questo avviso ma – a differenza di allora – ritengo spesso i miei avvisi del tutto inutili.

Siccome non mi bastava, sempre con l’idea chiara di essere un bluff (e questo non era un avviso), ho vinto una borsa di studio per un Dottorato sulla Storia dell’Italia contemporanea. Quando ricevetti il mio primo assegno di ricerca rimasi inebetita a lungo pensando che lo Stato mi stava pagando per studiare.

Dopo tre anni all’Ufficio Promozione dell’Unità, tra cinema e vhs e inizi di grandi amori, mi sembrava un regalo enorme.

Mai come quando cominciai a lavorare in Rai e mi occupai di vecchi nastri e vecchi archivi. E mi cominciarono a pagare per ascoltare musica e spettacolo.

Lo so: sono fortunata. Perché vivo delle cose che amo.

Però mi è costato anche tanta fatica.

Ho anche delle pubblicazioni al mio attivo, di natura in effetti alquanto varia. Per esempio esiste un mio articolo dal titolo Formazione e cultura in alcune famiglie della nobiltà romana ne Le élites italiane prima e dopo l’unità: formazione e vita civile a cura di Silvana Casmirri,  Atti del Seminario svolto all’Università di Cassino, 1998.

E per passare rapidamente di palo in frasca  qualche anno dopo ho scritto duecento schede de Il grande dizionario della canzone italiana di Dario Salvatori (Rizzoli). Ne rinnego felicemente almeno la metà e sono buona con me stessa.

Poi mi sono data all’umorismo e ho pubblicato Le molle e una notte all’interno dell’antologia umoristica: “Aggiungi un porco a favola”, Cento Autori editore; rigorosamente in romanesco.

In seguito mi sono dedicata al mio primo grande amore, cioè la Storia e insieme con il mitico collega Luciano Ceri ho scritto l’articolo Marinetti alla Radio in “Il Futurismo nelle avanguardie”. Atti del Convegno Internazionale di Milano. A cura di Walter Pedullà.

Grande soddisfazione ho avuto quando finalmente è stato pubblicato il frutto di un lavoro di dieci anni: sono stata infatti curatrice con Laila Cella e autrice della postfazione “Terzo Programma” del volume “Renzo De Felice. L’idea di Europa e l’Unità d’Italia. Conversazioni radiofoniche”, Edizioni Le Lettere, grazie al prof. Paolo Simoncelli. Mi vanto di aver ritrovato queste vecchie trasmissioni del grande storico che venivano date per perse. Un ottimo esempio di divulgazione culturale come ormai se ne fa poca in radio e in televisione.

Poi ci sono i dischi, attenzione attenzione:

Sono infatti stata curatrice, insieme a Massimo Forleo, a Timisoara Pinto e da sola di questi bellissimi dischi del Catalogo “Via Asiago 10”: Aldo Fabrizi alla radio, Gorni Kramer, the smile of the swing, Il Quartetto Cetra. Sassofoni e vecchie trombette; Cari Amici vicini e lontani. Sanremo 1952, Nati per la musica, My Wonderful Nicola. Nicola AriglianoLa radio di Alberto Sordi. Comprendi l’importanza? 

E siccome ho dovuto ascoltare la Corrida radiofonica mi sono appassionata all’idea dei dilettanti allo sbaraglio: mi sono infatti buttata sul teatro qualche anno fa, scrivendo il testo dialettale Nine amate. Due secoli d’amore e canzoni romane spettacolo di Teatro Canzone, da una idea della mitica Raffaella Misiti. Tra Mise en espace a Porta Pia e debutto e repliche nei teatri di cintura allora gestiti dal Teatro di Roma, abbiamo fatto la nostra porca figura. Nel frattempo Raffaella e il suo gruppo Le Romane hanno pubblicato un disco Quanno te voijo bbene – con il meglio della tradizione della canzone romana – nel quale c’è qualcosa di mio, compreso il testo del componimento che dà il titolo al disco e che viene interpretato meravigliosamente da Arianna Gaudio. 

Che culo.

Nel frattempo sono successe tante cose e ne racconto qualcuna ma non in ordine cronologico: sono andata in giro, mi sono innamorata, disamorata, sono stata al Tour de France, ho avuto una casa e poi non ce l’ho avuta più, sono socia del Cinema più bello di Roma che si chiama Intrastevere, mi sono sposata ma mio marito purtroppo qualche anno fa è morto e su questo blog ne ho parlato in continuazione al punto che qualcuno ha protestato, ho avuto molti amici e molti ne ho ancora e sono sempre di più. Qualcuno è andato via; per qualcuno la porta è sempre comunque aperta; per altri assolutamente chiusa.

So cosa è il dolore e la malattia ma so anche cosa è la bellezza e la gioia. La vedo in molti occhi belli, in molte voci fantastiche, nei colori di Roma, nelle vie brulicanti di Parigi, nel verde e nel giallo delle Prata a Sant’Angelo di Leonessa.

Una di quelle persone per le quali la porta mia rimarrà per sempre chiusa, un giorno, mi disse che la mia è una vita da operetta.

Ringrazio ogni momento per questa operetta piena di musica e di canzoni e di allegria, di cinema, di teatro, di amori stanchi, di amori allegri, di cammino e cammino e cammino, di rumori e scarpe basse.

di unghie lunghe e unghie corte.

di passaggi e passaggi di tempo come canta Ivano Fossati.

Ringrazio per questo, per gli amici straordinari che ho avuto e continuo ad avere, per la famiglia che ho avuto, per mio padre che non c’è più da tanto, per Stelio che mi ha indicato la strada, per mia madre e il suo perenne coraggio; per l’onestà e l’intelligenza dei miei fratelli. Per il cuore grande e la gioia che mi dà da quando è nato quel fenomeno della natura che è mio nipote Giorgio.

Per tutto il resto butterei un occhio alle altre pagine: sono poche e soprattutto più brevi.

In caso contrario buonanotte.

Elisabetta

p.s. Gatto Atlantico era il mio nickname su Myspace, dove ho avuto il mio primo blog e ho impattato per la prima volta nel mondo dei social. Un impatto assolutamente positivo per me, malgrado alcune cadute. Gatto Atlantico era anche il mio primo indirizzo e mail. Gatto Atlantico prima ancora era il co-protagonista di una favola in versi e rime baciate che scrissi per mio nipote quando aveva tre anni. Quello che posso dire è che era un Gatto molto veloce. Una specie di super eroe dei Gatti. Io non sono perciò una gattara. Non possiedo Gatti. Ma con i Gatti vado d’accordo perché mi sento un Gatto. E perché il mio primo grande amore (l’innominabile da sempre, sennò lo rovino) nella vita precedente è stato di sicuro un Gatto e del Gatto gli sono rimasti gli occhi. Sono sempre stata felice che sia stato lui il mio primo grande amore.


Annunci

2 commenti

  1. cecilia ha detto:

    grande bettonia!!!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...