Gatto Atlantico

Home » Gli Haiku del Gatto

Gli Haiku del Gatto

Informativa sui cookie

Questo blog potrebbe utilizzare cookie di terze parti di cui l’autore non è responsabile. Per maggiori informazioni sulla gestione dei cookie, vai alla pagina PRIVACY di questo blog. Lascia questo sito se non sei d’accordo o clicca su OK, qui in basso a destra, per proseguire la navigazione

►OK◄

Classifica Articoli e Pagine

In questa pagina una selezione dei miei Haiku pubblicati sulla rivista: Pensalibero, nella rubrica Ombre e Polveri   a cura di Franchini: Ombre e polveri contiene varie sottosezioni, tra cui gli Haiku (a cura di Carmela Panariello Franchini), i Veli Viola e gli Inganni nei quali settimanalmente si possono trovare anche i miei contributi insieme con quelli di tanti straordinari amici.

Questi Haiku settimanali sono raccolti nel gruppo  Gli Haiku della formichina  di Facebook, sempre a cura di Carmela.

 

Nervosamente

un pensiero ritorna

a casa, solo.

(Haiku della solitudine)

 

Sono la donna

che non sogni mai:

sono la donna

che ti sveglia.

(Haiku del risveglio)

 

Non ritornerai

e non ti aspetterò:

arriva sera.

(Haiku della sera)

 

Foglie morte:

Cadono ora,

cantano ogni stagione.

(Haiku per una canzone)

 

Tu ed io:

materie prime

cotte in un vaso antico.

(Haiku per un crogiolo)

 

Insonnia:

non dormire,

contando sillabe e dittonghi.

(Haiku per Haiku)

 

Roma antica:

monumenti di guerra

sotto il sole.

(Antico Haiku Romano)

 

Costantino:

“se questo è un arco

dove sta la freccia?”

(Haiku stupido)

 

Ti avrei detto:

‘Ama sempre e solo’

Figlia che non ho.

(Haiku d’amore)

 

Grido infame

e dietro il silenzio

di vuoti cuori.

(Haiku in collera)

 

Un desiderio:

voglio un fiore giallo

tra i capelli.

(Haiku dei fiori di campo)

 

Imparai

ad amare quando

dissi per la prima volta:

“Chissà”.

(Haiku del perché no)

 

Cammino

verso il giorno,

senza bastone:

cado nella luce.

(Haiku cieco)

 

Nel tuo giardino

aspetto intrepida

i tulipani.

(Haiku di primavera)

 

Tu sei bugiardo

con parole sincere:

inganno vero.

(Haiku d’inganno)

 

Luna lontana
e sole accecante;
terra straniera.
(Haiku di un’anima apolide)

 

Ricordo di te

lo sguardo di passaggio;

Eri mio padre.

(Haiku per mio padre)

 

Non si froda

il popolo

per venti anni

con promesse false.

(Haiku antiberlusconiano)

 

Mentre tornavo

ho perso per la strada

i miei rimpianti.

(Haiku della dispersione)

 

Ho trovato

te

in quel cieco angolo

dove non sei stato mai.

(Haiku della comprensione)

 

Roma stasera

è gelida e scura:

ha paura. Io no.

(Haiku intrepido)

 

Fili di notte

intravedo al di qua

della mia luce.

(Haiku dello Yin)

 

Mostrami la via!

Se non lo farai per me…

lo farò per te!

(Haiku volenteroso)

 

Qua, sotto vento,

ti voglio bene, cuore,

distrattamente.

(Haiku distratto)

 

Come due occhi

Dietro un vetro sporco,

Timida guardo.

(Haiku che contempla)

 

Te do’

er còre

E nun sai che facce…

Ma che davero davero?

(Haiku romanesco)

 

Voglio vivere

altrove,

dove amare non è

un errore.

(Haiku dell’altro mondo)

 

Dice il saggio:

‘io scappo via e

tu fa un po’

come ti pare.’

(Haiku del mors tua vita mea)

 

Aspettando te:

forse andata  (chissà)..

…forse ritorno…

(Haiku della speranza)

 

Ho voglia viva,

forti le braccia,

caldo il cuore:

la mente no.

(Haiku di volontà)

 

Buon anno a noi

Che viviamo qui,

tra i due mari.

(Haiku all’italiana)

 

Più di quando

mi prendevi per mano,

sei in questa vita,

Stelio.

(Haiku per Stelio)

 

Come Majorana

prendere il mare;

poi per sempre

sparire.

(Haiku della disperanza)

 

‘Il tempo passa

sul  mio viso’,

diceva stanco

un manichino…

(Haiku in un grande magazzino)

 

Cantavamo

col freddo alla sera:

amiche sempre.

Ora – mai…

(Haiku del cambiamento)

 

Ancora gioco,

quando il giorno viene,

con il tuo viso.

(Haiku dei sogni)

 

Come un passero

ti posi,

frettoloso,

sopra la briciola.

(Haiku che vola)

 

Attendo nuove:

Nuove storie, nuove vie,

Nuove finzioni.

(Haiku nuovo)

 

‘Primissimo piano.

Interno notte’:

La lacrima scende.

Lenta.

(Haiku cinematografico)

 

Il buon governo:

un po’ di socialismo

e molti baci.

(Haiku del socialismo)

 

Felice oggi,

mentre sbuccio assorta

un mandarino.

(Haiku profumato del mandarino)

 

Vieni da me

e balla un tango

nel lato scuro

della luna.

(Dark Moon Haiku)

 

Io bevo acqua

del tuo pozzo

nella profondità

del cuore.

(Haiku del Pozzo)

 

Alla fermata

attendo me, il sole,

la via e il bus.

(Haiku della mobilità)

 

Invento stelle

e nuvole incerte

nel chiaro giorno.

(Tao Haiku)

 

Dammi la mano:

io avrò cura di te,

fin quando vorrai.

(Haiku della mano tesa)

 

Il Violoncello

il violino, la viola…

e sia musica,

Maestro!

(Haiku d’archi)

 

Come bambola
dei bei tempi andati,
sul piede danzo.

(Haiku viennese)

 

Come bimba offesa,

tengo il broncio

con il bello

del mondo.

(Haiku bambino)

 

Un fiore, giallo,

Sorride in un prato

di margherite.

(Haiku diverso)

 

Liberamente

un cuore accarezza

Roma, di notte.

(Haiku per la notte)

 

Tace Musica:

Silenzio si schiarisce

e canta per noi.

(Haiku del silenzio)

 

Gocce di pioggia

sulla strada ventosa

si attardano.

(Haiku umido)

 

Il sole sorge

e alza sul mio viso

il  fiero sguardo.

(Haiku accecante)

 

‘Cosa hai messo

dentro la mia bottiglia?’

‘un sorso di me’.

(Haiku dello Yang)

 

Ricordo di te

un profumo di viole,

mentre sorridi.

(Haiku profumato)

 

Altrove ci sei:

in quel prato di fiori

dove fa giorno.

(Haiku dell’altrove)

 

Musica e sole,

pensieri e silenzio:

viene bellezza.

(Haiku della bellezza)

 

Corro a guardarti,

mentre distratto

passi vicino

e ridi.

(Haiku d’allegria)

 

Oggi mi compio
domani ricomincio:
tanti auguri
a me!

(Auguri del compleanno)

 

Racchie e vecchie,
per la stoltezza altrui,
godono sempre.
(Haiku racchio)

 

Maghi e streghe

fanno un sortilegio

che mi riporta

da te.

(Haiku incantato)

 

Indaco, rosa,

rossa e azzurrina:

ecco la sera!

(Haiku dei colori)

 

La mia montagna:
acqua che scorre lenta,
pini severi.

(Haiku montano)

In ogni fiore,

montagna e fulmine

sei mancato: Tu.

(Haiku di fine estate)

 

Come gli anni

sono passati pianto,

riso e pioggia.

(Haiku del Tempo)

 

Vigile guardo,
di questo cuore bonsai,
il verde vivo.

(Haiku bonsai)

 

Sole arriva,

pioggia veloce va via:

allora esco.

(Haiku a passeggio)

 

Su questo muro,

foglia verde, timida,

si arrampica.

(Haiku rampicante)

 

Batto il tempo:

un primo movimento

di musica mia.

(Haiku che solfeggia)

 

Ignaro dorme,

sul morbido divano,

un gatto pigro.

(Haiku felino)

 

Il sole bruciò,

in quei caldi giorni,

ricordi

e foglie morte.

(Haiku ardente)

 

Ecco arriva

improvviso inverno.

Il Cielo

Si commuove.

(Haiku stagionale)

 

Scala di cuori,

Scala di do maggiore,

ancora gioco.

(Haiku d’azzardo)

 

E da levante

un suono bizantino

viene dal mare.

(Haiku bizantino)

 

Cielo e mare

Si muovono rapidi;

tu guardi, fermo.

(Haiku fiero)

 


5 commenti

  1. alessandra ha detto:

    bellissimi….
    ciao elisabetta
    alessandra

    Mi piace

  2. silevainvolo ha detto:

    la donna giappo romana mi piace assai 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...